Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2008

La fine della realtà?

La realtà è bella, la realtà è colorata, la realtà è “vera” … certo, a volte è cruda, è pesante, è difficile … ma che divertimento c’è se si fugge via da essa per rinchiudersi in casa?

Perchè è questo che sta succedendo, vite parallele dove ognuno di noi riesce ad essere diverso da ciò che è, o meglio, riesce ad essere più simile a ciò che vorrebbe essere. Questo su cui scrivo è un mondo parallelo, dove persone parlano nascoste da un nick, dove tutti possono avere la loro “seconda opportunità” …

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Tumuli drogati al Silicio

Tumuli drogati al Silicio

E’ notizia di pochi giorni fa (fonte: http://www.ecogeek.org) che in Spagna e più precisamente nella città di Santa Coloma de Gramenet, vicino Barcellona, è stato installato un impianto fotovoltaico. Ovviamente, dato che siamo in Sapagna e non in Italia, questa di per sé non è una notizia sensazionale.

La notizia vera è propria risiede (è proprio il caso di dirlo) nel luogo dove sono stati ubicati i 462 pannelli al silicio policristallino usati dalla ditta installatrice: sopra i tumuli del cimitero cittadino e più precisamente sopra quelli rivolti a Sud (altro…)

Read Full Post »

Osservando …

Un bellissimo discorso di Silvano Agosti.

Tempo fa andai a Milano, principalmente per vedere il “Museo nazionale della scienza e della tecnologia “Leonardo Da Vinci””. Persone che conosco in quella città mi avevano già avvertito della differenza sociale che si presentava. Ma le parole non bastano per descrivere quello che sembra un enorme formicaio pieno di operai che corrono a destra e a manca nel tentativo di creare ricchezze o chissà cosa.

(altro…)

Read Full Post »

Un inizio?

Già… Perché c’è sempre qualcosa che suona male. Che sia una dissonanza, una storpiatura, una nota stonata, ma c’è sempre qualcosa che suona male. C’è sempre qualcosa che non va ne’ in su ne’ in giù (come il famoso Ovosodo), c’è sempre qualcosa che non funziona, che non carbura, che stenta a decollare. Ed è proprio quando te ne accorgi, quando ti fermi a osservare, che raggiungi e superi lo stato che io, polemico per natura, chiamo “la sottile linea color merda che divide il mondo in ciò che è e ciò che appare“.

Noi, per vostra sfortuna, SIAMO. E siamo sempre stati. E sebbene tutto l’intorno, con le sue seducenti trappole, ci vorrebbe un APPARIRE, noi stoici rimaniamo costantemente un ESSERE. E quando hai superato la linea, non puoi più tornare indietro. E quando ti accorgi di questo e di quanti pochi sono lì con te, non puoi che incrociare le braccia, farti nascere un sorriso inquietante sulla faccia e criticare a ruota libera tutto ciò che si trova al di là. Ed è qui che nasce l’esigenza di far viaggiare la tua voce attraverso canali ancora liberi, non intasati dalla censura (mascherata da un longevo perbenismo, o buonsenso che dir si voglia) e che arrivino a tutti, magari riuscendo a infliggere qualche ferita qua e là. Non abbiamo grandi pretese, come si può notare. Siamo stati abituati a non pretendere più di un tot.

(altro…)

Read Full Post »

Il fenomeno Bimbe Minkia

Come non provare amarezza per tanta foga, tanta energia, spese inutilmente?

Nel mondo milioni di persone muoiono di fame, le ragazze nel video probabilmente non si potranno laureare per colpa di nuove leggi contro l’istruzione, le stesse ragazze probabilmente non avranno un lavoro a tempo indeterminato, niente pensione, niente certezze nel futuro, niente possibilità di creare una vita che sia tale. Come non provare tristezza a vedere che la loro unica preoccupazione è proteggere un idolo, un’immagine, un marchio creato appositamente per annichilire la mente e gettarla alle ortiche?

(altro…)

Read Full Post »