Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cultura’

«Non dobbiamo mai essere inferiori a quello che siamo

Bremen era stato chiaro: non usare la Pietra Nera degli Elfi. Quando la troverai non pensare di usarla, non usarla per nessuna ragione, neppure se sarai minacciato: la sua magia è abbastanza forte da poter compiere qualsiasi cosa, ma è pericolosa: ogni magia richiede un prezzo per il suo impiego, e il prezzo per l’uso della Pietra Nera è troppo alto. Il tuo compito consiste nel recuperarla e portarla a me. Solo questo. Non la useremo. Dobbiamo solo impedire che il Signore degli Inganni se ne impossessi. Ricordalo Tay, ricordalo.
(altro…)

Annunci

Read Full Post »

«E cosa ci ritiriamo a fare?» chiese Mr Buggage.
«Abbiamo in ballo il miglior business di Londra,
e io personalmente mi diverto come un matto.»

Il libraio è un bel lavoro. Ti permette di stare a contatto con i libri, di cercarli, di collezionarli, di catalogarli, uno per uno, in una serie lunga, lunghissima, che che viene da lontano: secoli e secoli di parole che ingorgano pagine, da quando esiste la scrittura. I (altro…)

Read Full Post »

Il Duce, si dice fosse buono. O almeno lo dice Marcello Dell’Utri, l’amico malavitoso del Signor B. E siccome, si dice, che Dell’Utri sia un uomo “colto che ama i libri antichi” e allora, dice che forse abbia ragione.

(altro…)

Read Full Post »

C’era da aspettarselo. Dopo l’accesa discussione seguita alla «bomba culturale» lanciata da Alessandro Baricco, non restava che attendere una sua replica. Risponde o non risponde? E quando? Io ho aspettato. E ho letto quanto ha scritto, sempre su la Repubblica, il 4 marzo 2009: una settimana fa.
Poteva benissimo restarsene in silenzio, e lasciare che la solita faciloneria e il perbenismo la facessero da padrone. Come Benigni dopo Sanremo. E invece no. Troppo educato e intelligente, Baricco. Non che Benigni non lo sia: la faccenda è un po’ diversa, e un paragone, in tal senso, è fuori luogo. Insomma, Baricco, con tono pacato si rimette lì, e spiega di nuovo, ancora, a chi ha frainteso la settimana prima. Colpa dello scrittore o di chi ha letto? Forse di entrambi, forse no. Va bene, nessun problema: lo dice di nuovo.
Queste sono le sue parole.
Buona lettura.

(altro…)

Read Full Post »

Dopo l’articolo di Alessandro Baricco si è scatenata la polemica. Sullo stesso quotidiano, la Repubblica, già dal giorno dopo, mercoledì 25 febbraio 2009, sono apparsi articoli a favore e contro lo scrittore. È una «bomba culturale», quella lanciata da Baricco. Venerdì si è scomodato pure Eugenio Scalfari, ex direttore dello stesso giornale. E sabato il Ministro Brunetta, con una breve lettera in cui si trova pressoché concorde con lo scrittore torinese.
Nonostante la guerra, su due punti sono tutti quanti concordi. Il primo è che in nessun paese del mondo sia il teatro sia la musica riescono a sopravvivere senza la sovvenzione dei soldi statali. Il secondo è che vanno cambiate e riformate le regole di investimento di quei soldi.
(altro…)

Read Full Post »

Una settimana fa, martedì 24 febbraio 2009, c’era su la Repubblica un articolo di Alessandro Baricco. Un articolo lungo, di dodici colonne, in cui lo scrittore tratta una questione delicata: il rapporto tra cultura e denaro pubblico. Un argomento che, nei giorni successivi, ha scatenato una polemica accesissima che ha visto contrapporsi, come sempre, pareri concordi e diversamente concordi: c’è chi lo ha appoggiato e chi lo ha criticato aspramente.
Quello che segue è quanto scritto da Baricco. Ho utilizzato numerose e amplissime citazioni; per il resto ho parafrasato, cercando di usare le stesse parole dello scrittore torinese. Di mio, in quanto segue, c’è ben poco.
(altro…)

Read Full Post »