Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Sellerio’

«Sotto il mandorlo della tua donna,
quando la prima luna d’agosto sorge
dietro la casa, potrai sognare, se gli
dei sorridono, i sogni di un altro.»

a Bianca, appena nata

Una notte di migliaia di anni fa, Dedalo, architetto e aviatore, fece un sogno. Sognò che si trovava dentro un palazzo immenso e che percorreva corridoi che si susseguivano senza fine, uno dentro all’altro. Dedalo li percorreva determinato. Solo io posso sapere come uscire di qui e non lo ricordo, si diceva. Poi un corridoio finì e si trovò in una grande sala: nel mezzo c’era un uomo con la testa di toro che piangeva. (altro…)

Read Full Post »

a questo giorno di memoria

Una macchia arancione il dorso, e bianco di neve intorno; in un fitto di abeti, sulla sinistra, il verde dei rami; sulla destra, oltre la curva del colle, il tetto rosso di una casa. Il vecchio è curvo, piegato in due, il profilo scavato quasi tocca i ginocchi. Su una cresta di montagna, in salita. Dietro, una mucca restia, spigolosa e magra. Vorrebbe spingerla sul pendio, trascinarla per le corna. Il vecchio affonda sempre più nella neve, ma punta ostinato i piedi.
(altro…)

Read Full Post »

La casa editrice Sellerio compie quaranta anni. «In occasione dei 40 anni dalla fondazione di questa casa editrice ci piace riproporre alcuni titoli che, a nostro giudizio, hanno rappresentato dei punti cruciali della nostra storia editoriale.» È con queste parole che la casa editrice comunica l’evento: un evento che è un regalo di compleanno, e un regalo che è un omaggio e un grazie a tutti i suoi lettori. Le quaranta candeline prevedono una nuova collana, La rosa dei venti, comprendente venti libri.
(altro…)

Read Full Post »

a Tommaso

Dopo secoli e secoli di donne e di cavalieri, di armi e di amori, di cortesie e di audaci imprese Orlando il Furioso con fastidio si rese conto di essere un cavaliere senza passato: Ariosto nel poema a lui intitolato non glielo aveva fornito. Quasi contemporaneamente, e più o meno negli stessi luoghi, l’altro Orlando, quello Innamorato, avvertì uno strano disagio e si accorse di essere un cavaliere senza futuro: Boiardo nel suo poema l’aveva reso pazzo d’amore ma l’aveva privato del domani. Un duro colpo, per i due Orlandi.
(altro…)

Read Full Post »